Storia della Formula 1: l'incidente di Lauda al Nurburgring

Scritto da: -

GP di Germania dell’agosto 1976: Niki Lauda a sette gare dalla fine del campionato ha 61 punti e ben 31 di vantaggio sul secondo, il titolo di Campione del Mondo sembra vicinissimo, ma il dramma è in agguato.

Sul difficilissimo e lunghissimo circuito del Nurburgring Lauda  parte in prima fila al fianco di Hunt, grazie al secondo tempo ottenuto nelle prove. Niki non effettua una buona partenza: fa pattinare troppo le ruote sulla pista bagnata, e si ritrova al nono posto. A quel punto, poiché la pista si sta progressivamente asciugando, decide di fermarsi ai box per cambiare le gomme. Al rientro in pista è scivolato agli ultimi posti per cui si lancia a testa bassa, deciso a recuperare il terreno perduto. Nel corso del terzo giro, il dramma. L’austriaco perde il controllo in una veloce curva a sinistra, più o meno a metà pista, compie un testa coda e sbatte violentemente contro una roccia con la fiancata sinistra e rimbalza al centro della pista, prendendo immediatamente fuoco. Dopo Guy Edwards che riesce ad evitare la carcassa infiammata della Ferrari arriva la Surtees di Brett Lunger che non riesce ad evitarla e la urta violentemente. I piloti giunti sul posto scendono dalle loro macchine e si prodigano a soccorrere lo sfortunato pilota. In particolare è da ammirare il coraggioso Merzario, che non esita, rischiando la propria vita, a gettarsi in mezzo alle fiamme riuscendo ad estrarre Lauda dall’abitacolo, salvandogli così la vita.

Nella formula uno supertecnologica di oggi non quanti sarebbero i piloti capaci di un gesto simile.
All'ospedale di Adenau dove Lauda è stato trasportato la situazione appare gravissima al punto che gli viene addirittura impartita l'estrema unzione, ma fortunatamente le sue condizioni, lentamente ma costantemente, cominciano a migliorare e dopo alcuni giorni viene dichiarato fuori pericolo, anche se rimarrà orrendamente sfigurato al volto.

L’austriaco soprprenderà poi tutti risalendo su una monoposto di F.1 già a settembre dopo soli 37 giorni dall'incidente, ma nonostante il prodigioso recupero perse il Mondiale all'ultima gara della stagione, in Giappone quando preso dal panico per la violenta pioggia si ritirò lasciando il titolo ad Hunt.

Il circuito del Nurburgring pagò duramente l'accaduro, infatti venne scartato come sede del GP di Germania già a partire dal 1977.

Di seguito non perdete tre filmati dell'epoca che ricostruiscono l'accaduto. Troverete anche immagini poco conosciute e un'intervista a Marlene Lauda, la moglie (ora ex) del campione austriaco.

 

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Racing.blogosfere.it fa parte del canale Blogo Motori di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano